Barry Rassin, Presidente del RI 2018/2019, esorta i soci del Rotary: “Siate di ispirazione”
Barry Rassin, Presidente del RI 2018/2019 ha esposto la sua visione per il futuro della nostra organizzazione, domenica, esortando i nuovi leader ad impegnarsi per un futuro sostenibile ed essere d’ispirazione per i Rotariani e il pubblico in generale.

TEMA DELL’ANNO 2017-2018

Il Rotary al servizio dell’umanità

TEMA DELL’ANNO 2015-2016

Il Rotary al servizio dell’umanità TEMA DELL’ANNO 2015-2016

Rotary has been many things, to many people, in the last 111 years. Through Rotary, our members have found friends, community, and a sense of purpose; we’ve forged connections, advanced our careers, and had incredible experiences we couldn’t have had anywhere else.

Every week, in more than 34,000 clubs around the world, Rotarians come together to talk, laugh, and share ideas. But above all, we come together for one, overriding goal: service.

Service to humanity has been the cornerstone of Rotary since its earliest days, and has been its main purpose ever since. I believe that there is no better path to meaningful service today than Rotary membership; and no organization better placed to make a real and positive difference in our world. No other organization so effectively brings together committed, capable professionals in a wide variety of fields, and enables them to achieve ambitious goals. Through Rotary, we have the capacity, the network, and the knowledge to change the world: the only limits are the ones we place on ourselves.

Today, our organization is at a critical point: a historic juncture that will determine, in so many ways, what comes next. Together, we have provided extraordinary service to our world; tomorrow, our world will depend on us to do even more. Now is the time to capitalize on our success: as we complete the eradication of polio, and catapult Rotary forward, with determination and enthusiasm, to be an even greater force for good in the world.

Of the many lessons polio eradication has taught us, one of the most important is also one of the simplest: that if we want to bring all of Rotary forward, we’ve all got to be moving in the same direction. Continuity of leadership, at the club, district, and RI level, is the only way we will flourish, and achieve our full potential. It is not enough simply to bring in new members and form new clubs: our goal is not more Rotarians, but more Rotarians who can achieve more good Rotary work, and will become the Rotary leaders of tomorrow.

Near the end of his life, reflecting on the path that brought him to Rotary, Paul Harris wrote: “Individual effort may be turned to individual needs, but combined effort should be dedicated to the service of mankind. The power of combined effort knows no limitation.” He could hardly have imagined then that one day, more than 1.2 million Rotarians would be combining their efforts, and, through our Rotary Foundation, their resources, to serve humanity together. And we can only imagine what great deeds Paul Harris would have expected of such a Rotary! It is our responsibility to achieve those deeds; as it is our privilege to carry forth the tradition of Rotary Serving Humanity.

Il Rotary ha rappresentato molte cose, per tante persone, negli ultimi 111 anni. Grazie al Rotary, i nostri soci hanno trovato amici, comunità e un senso di realizzazione; abbiamo creato rapporti, migliorato le nostre carriere e abbiamo avuto esperienze straordinarie, che sarebbero state altrimenti impossibili. Ogni settimana, nei 34.000 club di tutto il mondo, i Rotariani si riuniscono per parlare, divertirsi e scambiare idee. Ma soprattutto, ci riuniamo per un unico obiettivo: metterci al servizio degli altri.
Mettersi al servizio dell’umanità è la pietra angolare del Rotary sin dalla sua nascita, ed è rimasto il suo scopo principale fino ad oggi. Ritengo che oggi non vi sia una via più significativa per mettersi al servizio del mondo dell’affiliazione al Rotary. Nessun’altra organizzazione occupa una posizione migliore del Rotary per fare una differenza positiva nel mondo. Nessun’altra organizzazione riunisce professionisti dediti ed esperti in una vasta gamma di campi, in modo significativo, consentendo loro di realizzare obiettivi ambiziosi. Grazie al Rotary, abbiamo le capacità, il network e le competenze per cambiare il mondo: gli unici limiti sono quelli che ci poniamo noi stessi.

Oggi, la nostra organizzazione si trova in un punto molto critico: un frangente storico che determinerà, in molti modi, quello che succederà domani. Insieme, abbiamo offerto uno straordinario service al mondo; in futuro dipenderà da noi fare ancora di più. Questo è il momento di fare leva sui nostri successi per completare l’impresa dell’eradicazione della polio, e catapultare in avanti il Rotary, con determinazione ed entusiasmo, per fare sempre più bene nel mondo.

Una delle tante lezioni apprese dalla nostra lotta alla polio, e una delle più importanti, è comunque una delle più semplici: se vogliamo spingere in avanti il Rotary tutti quanti dobbiamo muoverci nella stessa direzione. La continuità della leadership, a livello di club, distretto e RI, è l’unico modo per progredire e realizzare il nostro pieno potenziale. Non basta semplicemente trovare nuovi soci e creare nuovi club: il nostro obiettivo non è avere più Rotariani, ma più Rotariani che possono realizzare più opere di successo per il Rotary, che diventeranno i leader futuri del Rotary.

Alla fine della sua vita, riflettendo sul percorso che lo aveva portato al Rotary, Paul Harris scrisse: “Gli sforzi individuali possono diventare esigenze individuali, ma gli sforzi condivisi dovrebbero essere dedicati al servizio dell’umanità. Il potere della condivisione degli impegni non conosce limiti”. Lui non avrebbe mai potuto immaginare che un giorno, oltre 1,2 milioni di Rotariani avrebbero condiviso i loro sforzi e, attraverso la Fondazione Rotary e le loro risorse, si sarebbero messi al servizio dell’umanità. Adesso possiamo solo immaginare quali grandi opere Paul Harris si sarebbe aspettato da un Rotary di tale statura! È quindi nostra responsabilità realizzare tali opere; ed è nostro privilegio portare avanti la tradizione con “Il Rotary al servizio dell’Umanità”.

John Germ

President 2016-17

Siate dono nel mondo

TEMA DELL’ANNO 2015-2016

Rotary Ravenna - Tema 2015/16

Our time on this earth is finite, and it’s always shorter than we think.
How do we want to spend it? Will we give of ourselves to others, so that the world will be richer because we passed through it? Or will we spend our days, as the famous Indian poet Rabindranath Tagore wrote, in stringing and unstringing our instruments, while the song we came to sing remains unsung?
The glory of Rotary is that it helps us find a way to sing that song. It guides us on a path to living richer, more meaningful lives, by encouraging us to focus our attention on the things that matter — and helping each of us find our own way to be a gift to the world.
If we ask ourselves what characteristics we value most in our friends, most of us would answer similarly: integrity, trustworthiness, caring, compatibility. Our friends are not necessarily the people who are most like us but the ones who complement us, who bring out the best in us. That, to me, is precisely what we can find in Rotary.
Rotary is a way to bring out the best part of ourselves, and let it guide our lives. Too often, we spend our days in pursuit of the goals that should matter least. We focus our attention on our own achievements and our own gain; we devote endless energy to the accumulation of material things. Yet at the end of our lives, no one will remember us for the cars we drove, the clothes we wore, the titles we carried, or the offices we sat in. We will not be admired for the efforts we poured into making our own lives richer or our own status higher. In the end, our worth will be measured not by how much we acquired, but by how much we gave away.
Will we avert our eyes from suffering, or will we alleviate it? Will we speak words of compassion, or will we act on them? Will we be content only to take from the world — or will we give to it?
In the 2015-16 Rotary year, our theme will be Be a Gift to the World.
Every one of us has something to give — whoever we are, whatever our place in life. We can give our talent, our knowledge, our abilities, and our effort; we can give our dedication and our devotion.
Through Rotary, we can take these gifts and make a genuine difference in the lives of others and in our world.
It is said that we are born with our fists clenched, but we die with our hands open, and that our talents are the gift that God gave us. What we make of our talents is our gift back to God.
Equally we come into this world grasping at everything, but when we leave it, we leave all material things behind as well. Through Rotary, we can leave behind something real and lasting.
Our time is now. It will never come again.
Be a Gift to the World.
Il nostro tempo su questa terra è limitato, ed è sempre più breve di quanto pensiamo. Come vogliamo trascorrerlo? Offrendo il nostro aiuto agli altri in modo da migliorare il mondo con la nostra presenza? Oppure, come ha scritto il famoso poeta indiano Rabindranath Tagore, passeremo i nostri giorni cambiando e ricambiando le corde dei nostri strumenti senza cantare la canzone?
Il Rotary è lo strumento che ci permette di cantare quella canzone. Ci fa da guida verso una vita più ricca e piena di significato, incoraggiandoci a fare attenzione alle cose che hanno più valore.
Inoltre, permette ad ognuno di noi di donare qualcosa al mondo.
Se ci chiedono quali sono le caratteristiche che apprezziamo maggiormente nei nostri amici, la maggior parte di noi probabilmente risponderà: integrità, affidabilità, affetto, compatibilità. I nostri amici non sono necessariamente le persone più simili a noi, ma individui che ci completano, che ci permettono di dare il meglio di noi stessi. Per me, è proprio questo ciò che possiamo trovare nel Rotary.
Il Rotary ci consente di far emergere la parte migliore di noi stessi e rappresenta una guida per la nostra vita. Troppo spesso, passiamo le nostre giornate cercando di raggiungere degli obiettivi che dovrebbero avere minore importanza.
Siamo concentrati sui nostri obiettivi personali e pensiamo al nostro tornaconto; ci dedichiamo instancabilmente ad accumulare cose materiali.
Eppure, alla fine della nostra vita, nessuno si ricorderà di noi per le automobili che abbiamo guidato, per i vestiti indossati, o titoli sfoggiati, e le poltrone su cui ci siamo seduti. Non saremo ammirati per gli sforzi fatti per l’arricchimento personale o per raggiungere un rango più elevato.
Alla fine, il nostro valore non sarà misurato dalla quantità di cose che avremo ottenuto, ma da quanto avremo dato.
Distoglieremo i nostri occhi dalla sofferenza, o ci daremo da fare per alleviarla? Ci limiteremo a parlare di compassione, o passeremo all’azione?
Ci accontenteremo solo di prendere, o daremo qualcosa al mondo?
Per l’anno rotariano 2015/2016, il nostro tema sarà: Siate dono nel mondo.
Ognuno di noi ha qualcosa da dare, chiunque sia, qualunque sia il nostro posto nella vita. Possiamo donare i nostri talenti, le nostre conoscenze, le nostre capacità e i nostri sforzi; possiamo offrire la nostra dedizione e la nostra passione. Attraverso il Rotary, con questi doni possiamo fare una vera differenza nella vita degli altri e nel nostro mondo.
Si dice che nasciamo con i pugni chiusi, ma che moriamo con le nostre mani aperte e che i nostri talenti ci sono stati donati da Dio. Mettere a buon uso i nostri talenti è il modo per ricambiare i doni ricevuti dal nostro Creatore.
Allo stesso modo, non abbiamo nulla quando veniamo al mondo e cerchiamo di afferrare tutto quello che possiamo, ma poi alla nostra dipartita non ci portiamo nulla dietro. Attraverso il Rotary, siamo in grado di lasciare alle nostre spalle qualcosa di reale e duraturo.
Questo è il nostro momento che non ritorna più.
Siate dono nel mondo.

K.R. Ravindran

President 2015-16

2015-16 President R.I

Accendi la luce del Rotary

TEMA DELL’ANNO 2014-2015

Light up Rotary

Rotary is an organization that has something for everyone. All over the world, in cities and towns, for well over a century, Rotarians have come together to serve. And in the years since Rotary was founded, countless Rotarians and others have discovered the joys of Rotary service, through Rotaract, Interact, Rotary Community Corps, Youth Exchange, and many other programs.

All of us are part of the family of Rotary. And we have all gained so much from our Rotary service. We’ve made friends, helped our communities, and made the world a better, safer, and healthier place. We’ve become part of a truly international network of volunteers, and we’ve learned how much we can achieve when we put our differences aside and work together.

Many of the ideas and values that we cherish in Rotary are not unique to Rotary. Perhaps the reason Rotary resonates so deeply with me is that I find many traditional Chinese values reflected in Rotary: values of service and responsibility, of respect for family and for others.

It is not surprising, then, that the ideas of Confucius so often guide me in my Rotary service. To me, Confucius was the original Rotarian. More than two thousand years before Paul Harris was born, he said: To put the world in order, we must first put the nation in order; to put the nation in order, we must put the family in order; to put the family in order, we must first set our hearts right.

In Rotary, we set our hearts right by putting Service Above Self. And we recognize that in order to be ambitious in our service, we must first care for our own organization and expand our family of Rotary.

In 2014-15, I will ask all of you to Light Up Rotary — by sharing our service, strengthening our clubs, and letting our light shine in our communities.

In this Rotary year, we will Light Up Rotary by reaching our goal of 1.3 million Rotarians, bringing in new members while working to keep the members we have. To do this, we’ll need to approach membership in new ways, and try new ideas. Hold a Rotary Day to give your community a chance to learn more about Rotary. Remember that Rotary is a family and is for the family: Encourage your spouse and other family members to consider joining, and reach out to Youth Exchange and Foundation alumni. Focus on your own club, and look realistically at why members stay, and why they leave. What can you do to make being a Rotarian an appealing and attractive opportunity for busy professionals and those with young families?

We will also Light Up Rotary — and make history — by eradicating polio. Polio eradication within the next few years is absolutely realistic — if we keep up our momentum. So tell your friends, associates, and elected officials how critical it is that we End Polio Now. Donate to the PolioPlus Fund and encourage others to do so as well. By meeting the newest challenge issued by the Bill & Melinda Gates Foundation, we can make our money work three times as hard. Be an active part of the greatest public-private health partnership in the history of the world, and share in the pride when the job is finished.

In 2014-15, as we strengthen our clubs and Light Up Rotary in more than 34,000 communities, our commitment and our service will light up the world.

Il Rotary è un’organizzazione che ha qualcosa per tutti.
Ovunque nel mondo, nelle città e nei paesi, i Rotariani sono uniti nel servire. E nel corso degli anni, dalla fondazione del Rotary in poi, un numero incalcolabile di persone ha scoperto quanto sia gratificante il servizio rotariano grazie a programmi come il Rotaract, l’Interact, i Circoli rotariani, lo Scambio giovani e altri ancora.

Noi tutti che facciamo parte della famiglia del Rotary abbiamo tratto grandi benefici dalle nostre attività di servizio: abbiamo fatto nuove amicizie, abbiamo aiutato le nostre comunità, abbiamo contribuito a trasformare il mondo in un luogo migliore, più sicuro e più sano. Siamo entrati a far parte di una rete di volontari autenticamente internazionale e abbiamo imparato quanto ci sia da guadagnare quando si superano le differenze a favore della collaborazione.

Molti dei valori e delle idee che apprezziamo nel Rotary non appartengono esclusivamente alla nostra organizzazione. Anzi, forse il motivo per cui mi sento così profondamente in sintonia con il Rotary è che vi trovo molti valori tradizionali della cultura cinese: il servire, la responsabilità, il rispetto per la famiglia e per gli altri.

Non c’è da stupirsi, quindi, se spesso a guidarmi nel servizio rotariano sono state le idee di Confucio, un filosofo che considero un Rotariano ante-litteram e che più di duemila anni prima della nascita di Paul Harris aveva affermato:

“Per mettere il mondo in ordine, prima dobbiamo mettere in ordine il nostro Paese; per mettere in ordine il nostro Paese, prima dobbiamo mettere in ordine la nostra famiglia; per mettere in ordine la nostra famiglia, prima dobbiamo mettere a posto i nostri cuori”.

Nel Rotary, il servire al di sopra di ogni interesse personale ci permette di mettere a posto i nostri cuori. Siamo anche consapevoli che per svolgere progetti ambiziosi dobbiamo innanzitutto prenderci cura della nostra organizzazione ed espandere la nostra famiglia rotariana.

Ecco il mio invito per l’anno rotariano 2014/2015: Accendi la luce del Rotary condividendo con altri le nostre attività di servizio, rafforzando i nostri club e lasciando che la luce del Rotary illumini le comunità.

Accendi la luce del Rotary quest’anno è l’invito all’azione, raggiungendo l’obiettivo di 1,3 milioni di Rotariani, con il reclutamento di nuovi soci e un impegno nella conservazione. Per farlo, dovremo adottare nuovi approcci verso l’effettivo e sperimentare nuove idee: organizzando una Giornata del Rotary per far conoscere meglio la nostra organizzazione a livello locale; ricordandoci che il Rotary è una famiglia per le famiglie; incoraggiando i nostri familiari, compresi i nostri coniugi, a diventare soci; e riallacciando i contatti con gli ex partecipanti allo Scambio giovani e con gli alumni della Fondazione Rotary. Osserviamo realisticamente i nostri club per individuare le ragioni che spingono i soci a restare e quelle che invece li allontanano. Che cosa dobbiamo fare per attrarre al Rotary i professionisti più impegnati nel lavoro o nella vita delle loro giovani famiglie?

Quest’anno possiamo accendere la luce del Rotary – e fare storia – anche con l’eradicazione della polio: un obiettivo che potremo raggiungere entro pochi anni se non perderemo lo slancio che ci ha guidati sinora. Fate sapere agli amici, ai colleghi, alle autorità dei Vostri Paesi quanto sia importante sostenere l’iniziativa End Polio Now. Donate al Fondo PolioPlus e incoraggiate altri a donare. La Fondazione Bill & Melinda Gates ci ha lanciato una sfida che, se raccolta, ci permetterà di triplicare l’effetto delle nostre donazioni. Un giorno avrete la soddisfazione di aver partecipato anche Voi alla maggiore iniziativa di cooperazione tra pubblico e privato nella storia mondiale in campo sanitario.

Rafforziamo i nostri club nel 2014/2015, dunque, all’insegna del motto Accendi la luce del Rotary in oltre 34.000 comunità: il nostro impegno e il nostro servire illumineranno il mondo intero.

Gary C.K. Huang

President 2014-15

2014-15 President R.I

 

 

 

Vivi il Rotary, Cambia vite

TEMA DELL’ANNO 2013-2014

Engage Rotary, Changes Lives

The Rotary club meeting you walk into today might, at first glance, seem very different from the weekly meetings of 50 years ago. And if you could pay a visit to every one of Rotary’s 34,000 clubs, you’d see men and women from all different backgrounds, speaking just about every one of the world’s languages, involved in service projects from the local to the global. You’d see clubs that are getting together to repair a neighborhood playground this weekend, while working in partnership with other clubs to install sanitary facilities in a school thousands of miles away. And you’d see a group of people who are absolutely committed to making the world a better place, in ways large and small.

There’s a lot that’s different about Rotary today.

But the foundation that Rotary is built on hasn’t changed. Rotary is based, as it’s always been, on our core values: service, fellowship, diversity, integrity, and leadership. These are the values that define us as Rotarians: they’re the values we live by, and the values we strive to bring to the communities we serve.

Every one of us in Rotary is here because we were invited, and because we made a choice to accept that invitation. Every day since then, we’ve been faced with another choice: whether to just be a member of a Rotary club, or to truly be a Rotarian.

Being a Rotarian is a commitment that goes far beyond just showing up at meetings once a week.

It means seeing the world, and our role in it, in a unique way. It means accepting our communities as our responsibility, and acting accordingly: taking the initiative, making the effort, and doing what’s right, not what’s easy.

All of us came to Rotary to get involved, and to make a difference. And in Rotary service, as in just about everything else in life, the more you put into it, the more you get out of it. If you only put in a token effort, you won’t accomplish very much, and you won’t find very much satisfaction in what you do accomplish. But when you make the decision to truly engage Rotary — to bring Rotary service and Rotary values into every day of your life — that is when you start to see the incredible impact that you can have. That’s when you find the inspiration, the excitement, and the power to truly change lives. And no one’s life will be changed more than your own.

In the 2013-14 Rotary year, our theme, and my challenge to you, will be Engage Rotary, Change Lives.

You’ve chosen to wear a Rotary pin.

The rest is up to you.

 

Entrando oggi in una riunione di un Rotary club potrebbe, a prima vista, sembrare molto diversa dalle riunioni settimanali di 50 anni fa. E se si potesse fare una visita a ognuno dei 34.000 Rotary club, si conoscerebbero uomini e donne di diversa cultura, che parlano diverse lingue, coinvolti in progetti di service, da quello locale a quello globale. Si potrebbero vedere club che insieme sono pronti a riparare un parco giochi quartiere durante il fine settimana, e allo stesso tempo lavorano in partnership con altri club per la costruzione di servizi igienici in migliaia di scuole anche a chilometri di distanza tra loro. E si vedrebbe un gruppo di persone che sono assolutamente impegnate a rendere il mondo un posto migliore, con grandi e piccole azioni.

Ci sono tante differenze nel Rotary di oggi.

Ma le fondamenta sulle quali abbiamo costruito il Rotary non sono cambiate. Il Rotary si basa, come è sempre stato, su valori fondamentali quali: service, amicizia, diversità, integrità e leadership. Questi sono i valori che definiscono un Rotariano: sono i valori con cui viviamo, i valori che ci sforziamo di portare alle comunità in cui operiamo.

Ognuno di noi è nel Rotary perché è stato invitato e perché ha scelto di accettare quell’invito. Ogni giorno, da allora, siamo di fronte ad un’altra scelta: se essere solamente un membro di un club o essere veramente Rotariani.

Essere un Rotariano è un impegno che va ben oltre la semplice presenza alle riunioni settimanali.

Significa vedere come un tutt’uno il mondo e il nostro ruolo in esso. Significa sentirsi responsabili per le comunità dove viviamo e agire di conseguenza: prendere l’iniziativa, impegnarsi e facendo ciò che è giusto, non ciò che è più facile.

Per tutti noi il Rotary è l’opportunità per fare la differenza. Nel servire con il Rotary accade che, come in quasi tutto il resto nella vita, più ti impegni, più risultati riesci ad ottenere. Con uno sforzo simbolico non si realizzerà molto e non si troverà molta soddisfazione in ciò che si è realizzato. È quando si prende la decisione di impegnarsi veramente con il Rotary – mettendosi a servizio della collettività e portando i valori del Rotary in ogni giorno della nostra vita – che si inizia a vedere l’impatto incredibile che si può avere. Questo è quando trovi l’ispirazione, l’eccitazione e il potere di cambiare davvero delle vite. E sarà la tua vita a cambiare più di ogni altra.

Nell’anno rotariano 2013-14, il nostro tema, e la mia sfida a voi, saranno Engage Rotary, Chages Lives.

Hai scelto di indossare una spilla del Rotary.

Il resto sta a te.

 

Ron D. Burton

President 2013-14

2013 14 President R.I

 

 

 

La pace attraverso il servizio

TEMA DELL’ANNO 2012-2013

Peace through Service

 

Conosci te stesso per abbracciare l’umanità

TEMA DELL’ANNO 2011-2012

Reach Within to Embrace Humanity

 

Impegniamoci nelle comunità, uniamo i continenti

TEMA DELL’ANNO 2010-2011

Building Communities, Bridging Continents

 

Il futuro del Rotary è nelle vostre mani

TEMA DELL’ANNO 2009-2010

The Future of Rotary is in Your Hands

 

Concretizza i sogni

TEMA DELL’ANNO 2008-2009

Make Dreams Real